Come inviare una cartella via email come allegato

Il tuo amico ti ha chiesto di inviare via email la cartella che contiene tutte le foto che avete fatto assieme durante l’ultima vacanza. Ma subito dopo aver aperto la tua casella di posta hai visto che l’operazione non è possibile se non quella di selezionare ogni singolo file, ma visto la miriade di foto direi che non è proprio il caso, e allora che fare? Come inviare una cartella via email come allegato?

Ecco come fare per inviare in un solo colpo una cartella in allegato piena di file via email

Hai bisogno di spedire una intera cartella via email? Bene allora stai leggendo la guida che fa al caso tuo, se non sei tanto pratico con la tecnologia inviare una intera cartella piena di file via email è più semplice di quello che credi, quindi se ti interessa dedicami un attimo del tuo tempo e procedi con la lettura.

Nei paragrafi che seguono vediamo assieme come allegare una intera cartella piena di file ad un messaggio di posta elettronica sia dal computer con sistema operativo Windows o macOS sia da device mobili Android e iOS.

Consigli pratici

Prima di proseguire e spiegarti come inviare una cartella via email come allegato devo darti alcune info importanti, ti devo dire che purtroppo i client di posta elettronica non permettono di allegare direttamente una cartella ad una email, ma comunque non preoccuparti esiste una soluzione a tutto questo che ti consente di aggirare senza difficoltà questo limite.

Per aggirare questo ostacolo bisogna semplicemente comprimere la cartella in oggetto in formato ZIP o RAR indipendentemente dal tipo di file che contiene come foto, musica, documenti di testo, video e tanto altro in modo da ottenere un unico file per poterlo poi aggiungere come allegato all’email.

Il mittente dopo aver ricevuto il file allegato compresso lo deve decomprimere per accedere alla cartella ed al suo contenuto, ma devi prendere in considerazione un’altro fattore importante prima di mandare una cartella in allegato via email ed è quello di non superare le limitazioni in MB che i vari client di posta elettronica ti impongono.

Per esempio con Gmail puoi spedire file con dimensioni massime di 25 MB con Outlook invece puoi spedire file con un limite di 33 MB, ma senza perdere altro tempo vediamo meglio nel dettaglio e scoprire quale procedura devi eseguire in base al dispositivo che usi ed al sistema operativo in uso.

Come inviare una cartella in allegato con Windows

Se usi un PC con sistema Windows inviare una cartella tramite email è molto semplice, ma prima devi comprimere la cartella in questione direi operazione molto semplice visto che nelle versioni del sistema operativo di casa Microsoft è inclusa di serie una utility apposita.

Come primo passo individua la cartella da comprimere quindi cliccaci sopra con il pulsante destro del mouse e dal menu che appare seleziona la voce Invia a > Cartella compressa per creare immediatamente il file ZIP con all’interno la cartella di origine.

Come-inviare-una-cartella-via-email-come-allegato-3

Fatta questa procedura puoi procedere con l’invio del file contenente la cartella compressa, quindi apri il client di posta che di solito usi (per esempio Outlook, Thunderbird ecc..) oppure il servizio di Webmail (Gmail, Yahoo ecc..) ed avvia la composizione di un nuovo messaggio.

Ora per procedere digita negli appositi campi l’indirizzo e-mail del destinatario, l’oggetto e il testo del messaggio quindi clicca sul pulsante di aggiunta degli allegati generalmente quello con l’icona a forma di una graffetta e dalla finestra che si apre tramite il percorso seleziona l’archivio compresso generato in precedenza, per finire premi il pulsante per effettuare l’invio del messaggio ed il gioco è fatto.

Come inviare una cartella in allegato con macOS

Anche su macOS prima di inviare una cartella via email devi comprimerla e fare un unico file compresso, quindi per procedere come primo passo individua la cartella che vuoi spedire tramite posta elettronica e cliccaci sopra con il tasto destro del mouse.

Come-inviare-una-cartella-via-email-come-allegato-5

Dal menu a tendina che si apre seleziona la voce Comprimi “nome cartella” (“nome cartella” è il nome che trovi indicato della cartella) ed il gioco è fatto, dopo pochi instanti viene generato un archivio ZIP nella stessa posizione e con lo stesso nome di dove si trovava la cartella di origine .

Al termine di questa operazione apri il programma predefinito con cui gestisci la posta elettronica ed avvia la composizione di un nuovo messaggio cliccando il pulsante apposito quindi nei campi appropriati digita l’indirizzo e-mail del destinatario, l’oggetto e il testo del messaggio.

Per finire clicca sul pulsante di aggiunta degli allegati generalmente quello con l’icona a forma di una graffetta e dalla finestra che si apre tramite il percorso seleziona l’archivio compresso generato in precedenza e poi premi il pulsante per effettuare l’invio del messaggio.

Come inviare una cartella in allegato con Gmail

Computer

Se possiedi un account Google e non sai come inviare una cartella in allegato con Gmail procedi in questo modo. Se usi un computer come primo passo devi comprimere in un archivio ZIP o RAR la cartella da spedire per fare questo puoi leggere questa semplice guida, come comprimere una cartella in zip.

Dopo aver compresso la cartella in formato ZIP sei pronto ad inviare il file in allegato tramite Gmail. Come primo passo avvia il browser predefinito collegati al sito internet principale del client di Google digita i dati di accesso se ti vengono chiesti per ritrovarti nella console principale.

A questo punto premi il pulsante + Scrivi collocato in alto nel menu di sinistra per aprire una nuova finestra chiamata Nuovo messaggio, da questa compila tutte le varie sezioni digitando l’indirizzo email del destinatario, l’oggetto e il messaggio.

Come-inviare-una-cartella-via-email-come-allegato-1

Per allegare il file compresso contenente la cartella da inviare tramite email clicca sull’icona a forma di graffetta collocata in basso a destra quindi dalla finestra che si apre tramite Esplora file per il sistema operativo Windows o il Finder di macOS seleziona il file creato in precedenza poi clicca il pulsante Apri e Invia.

Android

Se usi la posta elettronica attraverso il tuo smartphone o tablet Android puoi utilizzare l’app ufficiale di Gmail ma anche in questo caso come per il computer prima di inviare una cartella via email come allegato devi creare l’archivio ZIP della cartella stessa.

Per fare questa operazione usiamo l’applicazione RAR quindi avvia il Play Store di Google ricerca la medesima app attraverso la lente ed esegui l’installazione, in alternativa fai tap sul pulsante Installa posizionato nel banner qui sotto.

Al termine dell’installazione apri RAR quindi individua tramite il percorso la cartella da comprimere e selezionala mettendo la spunta nel quadrattino a fianco del nome, poi prosegui e fai tap sull’icona con il segno + posizionata in alto accanto alla voce RAR.

Come-inviare-una-cartella-via-email-come-allegato-2

Nella nuova schermata che si apre fai tap sul pulsante Nome archivio per assegnare un nome al file quindi scegli il formato preferito mettendo la spunta su RAR, ZIP e RAR 4.x poi premi con il dito sulla scritta Ok collocata sotto a destra e Chiudi per iniziare il processo di compressione.

Adesso sei pronto ad inviare la cartella compressa quindi avvia l’app Gmail dal tuo device Android e dalla prima schermata fai tap sul simbolo + collocato in basso a destra per creare una nuova email.

Dopo aver riempito i vari campi A, Oggetto e Scrivi email fai tap sull’icona a forma di graffetta collocata in alto a destra e dal menu a tendina che appare seleziona la voce Allega file quindi utilizzando il file manager che si apre ricerca e seleziona tramite il percorso la cartella compressa che hai creato prima, una volta allegata premi il simbolo dell’aereoplano collocato in alto a destra, ed il gioco è fatto.

Inviare una cartella via mail con iPhone e iPad

Se possiedi un iPhone con sistema iOS e vuoi sapere come inviare una cartella via email in allegato anche in questo caso devi prima comprimere la cartella che vuoi spedire, non proccuparti le operazioni da fare sono molto semplici.

Come primo passo scarica ed installa attraverso l’App Store di Apple l’applicazione Documents di Readdle un gestore di file che integra anche la funzione di compressione dei file e delle cartelle.

Documents di Readdle
Documents di Readdle
Developer: Readdle Inc.
Price: Free

Al termine dell’installazione avvia Documents di Readdle quindi dalla prima schermata che appare fai tap sull’icona principale e segui il breve tutorial che ti viene proposto, per proeguire premi il pulsante Modifica collocato in alto a destra.

Come passo successivo tramite il percorso seleziona la cartella che intendi spedire via email poi premi con il dito il pulsante Altro collocato sempre in basso a destra, quindi dal menu che appare fai tap sulla voce Comprimi e dopo le operazioni di compressione premi la scritta Fine posizionata in alto a destra.

A questo punto per procedere avvia l’app predefinita per la gestione della posta elettronica che usi sul tuo iPhone o iPad, quindi componi un nuovo messaggio digitando l’indirizzo e-mail del destinatario, l’oggetto, il testo del messaggio e naturalmente il pulsante a forma di graffetta per allegare i file.

Dal file manager che si apre tramite il percorso individua e seleziona la cartella compressa creata in precedenza poi fai tap sul pulsante relativo all’invio della mail solitamente quello a forma di aereoplano o con la scritta Invia.

In conclusione

Se stai leggendo questo paragrafo allora vuol dire che hai trovato questa guida come inviare una cartella via email come allegato interessante e direi che sono molto contento, ma prima di chiudere ti volevo dire che mi puoi trovare anche su FacebookTwitterGoogle Plus, Instagram e Linkedin inoltre mi farebbe molto piacere se condividi questa guida attraverso i pulsanti Social che trovi a sinistra dello schermo ed alla fine in modo che anche i tuoi amici la possono leggere ed anche per far conoscere CeoTecnoBlog.

Comments are closed.